4 aspetti di “non” fare di te una cattiva madre

Come essere una buona madre? Ci sforziamo ogni giorno di fare il meglio per i nostri figli, ci prendiamo cura della vostra alimentazione, partecipando alle loro esigenze, giocare con loro, insegnare loro a camminare, a leggere, a soddisfare i loro desideri, e si abbracciano quando hanno incubi o paura.

Ora… Come si fa a sapere se ogni cosa che facciamo è corretto? Nell’educazione dei figli non deve essere ricercata a tutti di essere la madre o il padre è perfetto.

In realtà si tratta di qualcosa di molto più semplice: ci deve essere in ogni fase dei nostri figli, offrendo supporto, favorendo la loro indipendenza e, naturalmente, la vostra felicità.

Un altro aspetto che ci deve essere molto chiaro è che educare non significa “offrire al bambino tutto quello che vuole”, ma per darti ciò di cui hai veramente bisogno in ogni momento.

Questo significa che in molti casi, si sta andando ad avere per dire “no”, si sta andando ad avere per impostare confini, e di agire in un modo che può essere che il vostro bambino non piace. Tuttavia, non è perché si sta andando ad essere una cattiva madre.

Oggi parliamo su questo interessante aspetto.

1. Non fare caso durante un capriccio

È possibile che il vostro bambino ha raggiunto l’età che ha iniziato a chiedere le cose.

Lei vuole che tu a lasciare il vostro cellulare per giocare, si desidera che il dessert dopo cena, si desidera che il giocattolo ha visto un amico… E tu l’hai rifiutata di offrire. Si poi, quando il bambino reagisce in modo violento, urla e calci.

Non sarà una cattiva madre, se si sceglie di ignorare. È la cosa migliore che puoi fare, perché, se si partecipa a questo tipo di comportamento, rafforzare e dare loro la distanza in quell’atteggiamento di “servire a qualcosa”.

Caratteriali dovrebbe essere ignorato, perché non sono di alcuna utilità: è un modo per ricattare bambino che non dovrebbero incontrarsi mai.

Vedi anche: 5 errori nell’educazione dei nostri figli

2. Non aiuterà nelle operazioni

desarrollo-de-mi-hijo

Se il bambino non impara a risolvere molto presto compiti facili e che hanno a che fare con i vostri obiettivi quotidiani è possibile raggiungere l’età adulta senza essere retribuiti e senza essere responsabile di se stesso. È un pericolo che dobbiamo imparare a correggere molto presto.

Rifiutandosi di fare il nodo delle scarpe ogni giorno o per risolvere i loro compiti della scuola è quello di non essere un cattivo genitore, è di incoraggiarli a essere responsabile. Inizialmente si può protestare, dire che “non è che mi coming out, è che non so, è che ho fatto di sbagliato…”.

Non succede nulla, non importa se oggi la regina ha fatto di sbagliato o è stato sbagliato in alcune delle informazioni nelle loro funzioni. Ciò che è fondamentale è che domani si sforzano di più e fare meglio, e scoprire che si può essere orgogliosi di se stesso a fare le cose senza aiuto.

3. Non sei una cattiva madre se si utilizza la parola “no”

Bambino gli psicologi ci dicono che ad una età critica, in cui i bambini stanno andando a iniziare a voler prendere le proprie decisioni e anche per sfida, è dall’età di 8 anni. È in questo momento quando acquistano già un paio di concetti di base di che cosa è la giustizia, che cosa è la moralità e il rispetto.

Questo è il motivo per cui dobbiamo esercitare noi stessi il più possibile, e li guida nel modo più appropriato. Hanno bisogno di amore, di sostegno e di molti linee guida.

Dire “no” più volte di quanto vorremmo che i nostri figli non è di essere una cattiva madre, è quello di indicare i confini, è quello di insegnare loro che cosa si può e cosa non lo è, e che cosa si aspetta da loro in ogni momento.

Se oggi vado a giocare con il computer prima di fare i compiti a casa, assicurarsi che questa regola è che si incontra ogni giorno. Se le regole non sono stabili, e di ciò che oggi è vietato domani è consentito, i bambini non sanno cosa aspettarsi.

Non abbiate paura di dire “no” quando è necessario, ma ricordate sempre di spiegare il perché di questo divieto per essere in grado di capire:

“Oggi non si può andare fuori a giocare, perché non hai finito i compiti”, “non si può uscire la sera perché sei piccolo”, “non si può mangiare quel dolce perché si sente male e si è allergici”.

Consigliamo di leggere: il Mio bambino ha problemi di sonno: Cosa posso fare?

4. Non sei una cattiva madre per non essere in grado di essere in ogni momento con lui

Valores-en-los-hijos

Questa è una delle maggiori preoccupazioni di molte madri. Certo che piacerebbe anche essere in ogni momento con il vostro bambino, tuttavia, il vostro lavoro richiede molte ore, e si deve fare grandi sforzi per soddisfare i loro orari con pick-up da scuola e mangiare con lui ogni giorno.

Non preoccuparti, non sei una cattiva madre per non essere lì ogni secondo con lui. Ciò che conta davvero è che ogni secondo che passi con il vostro bambino sono momenti di qualità, di complicità, di cura e di amore.

Quando sei a casa con lui, offrirgli la priorità assoluta. Partecipa a tutte le loro parole, le loro domande, le loro osservazioni. Ogni secondo vale la pena.

I bambini devono capire che tutti noi abbiamo delle responsabilità: il lavoro e devono andare a scuola. Non è facile essere 24 ore al giorno insieme, e inoltre non è appropriato.

I bambini hanno bisogno di maturare e di difendersi bene per se stessi, sempre sapendo che ogni volta che avete bisogno di noi, ci saremo, in modo incondizionato.

Lascia un commento