Acqua nella dieta, quanta berne?

 width='500

Molte persone affermano che bere tanta acqua fa perdere peso o purifica il corpo. Purtroppo però, quando quest’informazione giunge alle orecchie di persone poco accorte, finisce con l’essere controproducente perché molte persone cominciano a bere litri e litri d’acqua, ottenendo l’effetto contrario. In media si dice che la quantità ideale da bere sarebbe tra gli otto e i dieci bicchieri al giorno, ma questa formula presume che si aggiungano altri liquidi ingeriti sotto altra forma.

La questione è controversa. Il corpo umano contiene fino al 72% di acqua, o circa 45 litri in media in un uomo di 70 kg, e un po’ meno in una donna. Tuttavia, non perdiamo tutta quest’acqua ogni giorno perché i nostri corpi sono progettati per mantenere un equilibrio di acqua e sali minerali nel sangue e altri fluidi corporei. Tranne in condizioni in cui il bilancio idrico è alterato, come nel caso di insufficienza cardiaca e disfunzione renale, gli adulti devono bere 2.500-3.000 ml di liquidi al giorno per rimanere sani e prevenire la disidratazione. Se un bicchiere standard contiene circa 250 ml d’acqua, questo si traduce in 10-12 bicchieri di acqua o altre bevande al giorno.

Noi perdiamo normalemente acqua attraverso la pelle con la sudorazione, attraverso i polmoni, e attraverso l’escrezione nelle urine e nelle feci. La nostra principale fonte di liquido è l’acqua di rubinetto o bottiglia, bevande fredde, bevande calde come tè e caffè, succhi di frutta, bevande energetiche, e persino birra. Ciò che più la gente tende a dimenticare è che anche il cibo contiene acqua. Frutta e verdura hanno un contenuto d’acqua relativamente elevato, fino al 95%. Inoltre, i nostri corpi producono acqua durante il metabolismo.

Per illustrare l’interazione tra l’assunzione di liquidi, la produzione e le perdite d’acqua, possiamo usare l’esempio di un uomo giovane e sano che mangia circa 2100 kcal o 8.800 kJ, la cui acqua in ingresso e in uscita sia determinata con questo studio metabolico:

Assunzione:

  • Contenuto di acqua da alimenti: 1115 ml;
  • Liquidi bevuti: 1180 ml;
  • Acqua prodotta dal metabolismo: 279 ml.

Totale: 2574 ml.

Uscita:

  • Urine: 1294 ml;
  • Acqua persa con le feci: 56 ml;
  • Acqua persa da pelle e polmoni: 1214 ml.

Totale: 2565 ml.

In altre parole, le esigenze idriche di questo giovane sono più o meno equilibrate. E’ particolarmente interessante notare che la persona in questione ha ottenuto più o meno la stessa quantità di acqua dagli alimenti e dai liquidi. Ma esistono anche dei fattori che aumentano il nostro fabbisogno di acqua:

  • Clima caldo e asciutto, aumenta la sudorazione e dunque il bisogno di bere. Al contrario, d’inverno quando fa particolarmente freddo il nostro bisogno di acqua è ridotto. E’ una buona idea dunque regolare l’assunzione di acqua alle temperature, aggiungendo o togliendo qualche bicchiere d’acqua.
  • Sforzo fisico. Se si esegue una dura attività fisica, si perde più acqua attraverso la sudorazione e la necessità di sostituire l’acqua aumenta. Regolare anche in questo caso l’assuzione d’acqua. Tuttavia, gli impiegati che conducono una vita sedentaria e non si esercitano, farebbero bene a ridurre leggermente il loro apporto di acqua.
  • Condizioni mediche. Se hai la febbre, dovresti aumentare l’assunzione di liquidi, soprattutto succhi di frutta ricchi di vitamina C. Quando si soffre di diarrea e vomito, è necessario sostituire l’acqua ed i sali minerali persi, quindi possono andar bene altre bevande come ad esempio il tè. I pazienti affetti da gotta, problemi al fegato e calcoli renali dovrebbero anche aumentare l’assunzione di acqua, ma non eccessivamente.
  • Dimagrimento. Se si beve molta acqua o altri liquidi a bassa energia come il tè nero tra i pasti è possibile mantenere a bada la fame. Ma non esagerare, specialmente con le bevande diverse dall’acqua.

La US National Academy of Sciences ha convocato un comitato di esperti per ottenere una risposta a questo quesito, e questa è arrivata: l’ideale è attenersi all’assunzione di 10-12 bicchieri al giorno di liquidi (2,5/3 litri), ma bisogna ricordare di includere in questo conteggio il tè, caffè, succhi di frutta, bevande energetiche e altre bevande. Non fa bene bere otto tazzine di caffè al giorno e 12 bicchieri d’acqua, altrimenti si finisce con il lavare via dei nutrienti essenziali come il potassio, magnesio e anche il cloruro di sodio dal corpo, e questa pratica può dimostrarsi dannosa.

Bere molta acqua. Chi l’ha detto che fa bene? Acqua inquinata, rischio cancro in 128 Comuni italiani Acqua del rubinetto o minerale (costosissima)?

[Fonte: Health24]

Lascia un commento