Disastro ecologico nel Golfo del Messico, le conseguenze sulla salute

La fuoriuscita di petrolio lungo la costa del Golfo del Messico comporta, oltre ai pericoli enormi per l’ambiente, anche rischi da non sottovalutare per la salute di volontari, pescatori, lavoratori impiegati per la pulizia dell’area e membri delle comunità costiere. A racchiuderli e spiegarli tutti ci hanno pensato dei ricercatori della UCSF (Università di San Francisco) che hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista dell’Associazione dei medici americani.

La buona notizia, dicono gli autori, è che uno dei fattori di rischio, la qualità dell’aria costiera, sta migliorando, ora che la perdita di petrolio è stata arrestata. L’obiettivo di questo articolo è quello di informare i medici e le comunità costiere sui rischi sanitari immediati e a lungo termine posti dai vapori tossici, maree nere, le palle di catrame e frutti di mare contaminati. Gli autori sperano di incoraggiare i membri della comunità a proteggere sé stessi e cercare di curarsi se i sintomi da contaminazione si dovessero verificare.

La fuoriuscita di petrolio nel Golfo del Messico è ben nota come un disastro ecologico, ma ciò che è meno noto è il rischio per la salute umana provocato dalla contaminazione.

ha dichiarato Gina Solomon, autore senior dell’articolo e direttore dell’UCSF’s Occupational and Environmental Medicine Residency e Fellowship Program e scienziato senior presso la Natural Resources Defense Council (NRDC) a San Francisco.

Qualità dell’aria, irritazione della pelle, la salute mentale e la sicurezza dei frutti di mare sono i principali problemi a breve e lungo termine, secondo gli autori. L’articolo cita informazioni sanitarie raccolte da precedenti sversamenti di petrolio avvenuti in Alaska, Spagna, Corea e Galles, che segnalano un aumento degli effetti sulla salute, come problemi respiratori, le alterazioni del DNA, ansia, depressione, disordine da stress post-traumatico, lo stress psicologico e danno neurologico nei lavoratori e residenti locali.

Nei primi mesi della fuoriuscita di petrolio del Golfo, più di 300 persone, la maggior parte delle quali erano lavoratori impiegati nella ripulitura, sono state ricoverate per mal di testa, vertigini, nausea, dolore toracico, vomito, tosse e difficoltà respiratorie che potrebbero essere compatibili con l’esposizione chimica, secondo i dati raccolti dal Dipartimento della Salute e dagli ospedali della Louisiana.

Il rischio per la qualità dell’aria proviene in parte dai composti organici volatili che evaporano in poche ore dopo che il petrolio entra in contatto con l’acqua. Questi composti chimici possono provocare irritazione delle vie respiratorie, mal di testa e nausea. Altri composti rilasciati dal petrolio o da prodotti chimici utilizzati per disperdere il petrolio possono causare irritazioni cutanee, problemi respiratori e danni al sistema nervoso centrale.

I medici dovrebbero essere consapevoli e cercare le prove di tossicità da esposizione al petrolio e prodotti chimici connessi. Ai pazienti sintomatici dovrebbe essere chiesta l’occupazione e la localizzazione della residenza, e l’esame fisico dovrebbe concentrarsi sulla pelle, sul tratto respiratorio e sul sistema neurologico

aggiunge il coautore dello studio Sara Janssen, assistente professore di clinica presso l’UCSF e scienziato senior presso la NRDC. Per proteggere i membri della comunità costiere dall’esposizione ai prodotti chimici provocata dalla fuoriuscita di petrolio o dai suoi disperdenti, i ricercatori consigliano le seguenti misure:

1. I lavoratori possono bisogno di dispositivi di protezione individuale, quali cappelli, guanti, stivali, tute, occhiali, e persino respiratori in alcune zone; 2. I lavoratori hanno bisogno di prendere delle pause e bere liquidi per prevenire le malattie legate al caldo; 3. Evitare il contatto della pelle con petrolio e catrame sulle spiagge, paludi o in acqua; 4. Non operare in zone di contaminazione di idrocarburi o quando vi è petrolio visibile; 5. Non mangiare frutti di mare che odorano in maniera strana; 6. Se c’è un forte odore di petrolio che ti fa sentire male, stare al chiuso e regolare il condizionatore per il ricircolo dell’aria; 7. Se vi sentite male, consultare un medico per i sintomi che possono essere valutati e segnalati.

[Fonte: Sciencedaily]

Lascia un commento