Fumo: una scansione cerebrale prevede se si riuscirà a smettere

 width='500

Avete voglia di smettere di fumare, ma non sapete se ci riuscirete mai? Un macchinario testato in questi giorni presso l’Università di Los Angeles potrebbe predire quale trattamento è il più indicato per il vostro caso. Le scansioni cerebrali che mostrano reazioni neurali ai messaggi pro-sanitari sono in grado di prevedere se un trattamento per smettere di fumare potrà funzionare meglio di quanto non possa affermare il paziente stesso.

Testato su fumatori che avevano già mostrato la volontà di smettere, Emily Falk, l’autore principale dello studio e direttore del Laboratorio di Comunicazione Neuroscienze presso l’Istituto di messaggistica unificata per la ricerca sociale (ISR) e il Dipartimento di Scienze della Comunicazione, ha dichiarato di aver scoperto che l’attività neurale è in grado di prevedere il cambiamento del comportamento meglio della valutazione personale.

Questi risultati ci portano un passo più vicino alla possibilità di utilizzare la risonanza magnetica funzionale (fMRI) per selezionare i messaggi che hanno più probabilità di influenzare il cambiamento comportamentale sia a livello individuale che generale. Sembra che la nostra attività cerebrale possa fornire informazioni che l’introspezione non avverte.

Per lo studio, Falk e colleghi hanno testato 28 forti fumatori, reclutati in un programma anti-fumo. Ogni persona ha completato un questionario sulla loro storia, il grado di dipendenza da nicotina, la volontà di smettere e altri fattori determinanti. Ciascuno è stato testato anche per il monossido di carbonio espirato (CO), una misura recente che indica l’esposizione al fumo.

Mentre i partecipanti erano in uno scanner fMRI, i ricercatori hanno mostrato una serie di spot televisivi progettati per aiutare le persone a smettere di fumare. Dopo aver visto ogni pubblicità, i partecipanti hanno valutato quanto essa potesse aumentare (o ridurre) la loro intenzione di smettere, se ha aumentato la loro fiducia nell’impresa, e quanto il messaggio fa effetto.

Un mese dopo la scansione, i ricercatori hanno contattato i partecipanti per vedere come stavano procedendo e valutare i loro livelli di CO. I partecipanti hanno riferito di fumare una media di 5 sigarette al giorno, rispetto ad una media di 21 al giorno all’inizio dello studio, ed i livelli di CO sono stati coerenti con quelli dichiarati. Ma c’era molta variabilità nel modo in cui i partecipanti hanno raggiunto l’obiettivo.

I ricercatori hanno confrontato il cambiamento nel comportamento dei fumatori dall’inizio alla fine dello studio con l’attività neurale in una particolare regione del cervello che la ricerca precedente aveva suggerito come “predittiva del cambiamento del comportamento”, la corteccia prefrontale mediale. L’attività neurale in questa regione del cervello è stata significativamente legata alla riduzione del comportamento del fumatore durante il mese successivo alla scansione, prevedendo quanto successo potesse avere la terapia.

La cosa bella è che, conoscendo ciò che accade nel cervello durante la pubblicità, possiamo fare due operazioni: oltre a predire il loro comportamento futuro […] potremmo prevedere la loro capacità di smettere.

Con questa operazione si potranno inoltre aiutare le campagne anti-fumo a migliorare gli spot e a promuovere soltanto quelli che, sul cervello dei volontari, potranno ottenere il miglior effetto.

Smettere di fumare: quali strategie Fumo: per smettere di fumare ci vogliono 5 anni Farmaci gratuiti per smettere di fumare

[Fonte: Sciencedaily]

Lascia un commento