Ipertrofia prostatica benigna lieve, farmaci o intervento?

ipertrofia prostatica farmaci o interventoRichiesta di Consulto Medico

Tipo di problema: Ipertrofia prostatica benigna (IPB)

Specializzazione: andrologia

“Gent.dottore, ho, 73 anni, prendo Atenol e Coversyl per l’ipertensione e e Crestor per il colesterolo e nell’ambito di controlli medici di routine mi è stata consigliata nel 2013 l’uroflussiometria pur non lamentando particolari problemi urologici, salvo da anni una diminuzione del getto urinario ed un leggero gocciolio post minzione (troppa fretta nell’atto?) Risultato: flusso max/sec 8,8 con tempo 8 sec.

Una ecografia nel contempo evidenziava prostata di 35cc con vescica ben distesa e con pareti regolari, mentre il residuo post minzione era di 90 cc. (Le segnalo che 7 anni prima (2006) la prostata risultava di 36cc mentre il residuo 50cc). La visita con esplorazione rettale e controllo PSA 0,83 refertava prostata di medie dimensioni adenomatosa regolare e la prescrizione era Tamsulosina 0,4 e controllo dopo 6 mesi. Dopo la cura che ha provocato, oltre alla prevedibile retroeiaculazione, una diffusa orticaria nel corpo, una seconda UFM nel 2014 rilevava un peggioramento: flusso max 7,4 con tempo di 16 sec. Mi si proponeva allora sostituzione col nuovo Urorec 8mg. Trascorsi alcuni mesi non ho riscontrato miglioramenti soggettivi nella minzione salvo assenza del post gocciolio (maggiore calma nell’atto?) ed ho smesso per il momento la cura.

Ora (come del resto da decine d’anni) a parte il ridotto getto, mi alzo per urinare al massimo una sola volta qualche notte, non mi pare avere eccessive difficoltà ad iniziare la minzione nè impellenti necessità nella giornata. A questo punto cosa mi consiglierebbe: vigile sorveglianza dei sintomi senza medicinali, prosieguo con Urorec, ulteriore visita medica per eventuali farmaci più incisivi (del genere Finasteride) o addirittura intervento chirurgico come prospettatomi dalla Urologa nella seconda visita in caso di fallimento farmacologico dei farmaci finora presi (soluzione che mi ha lasciato un poco perplesso). La ringrazio e porgo distinti saluti.

Seleziona la specializzazione Andrologia Tipo di Problema IPB

Risponde il dottor Mario Francesco Iasevoli andrologo e specialista in endocrinologia e malattie del metabolismo, Unità Operativa Complessa Endocrinologia-Azienda Ospedaliera Universitaria II Policlinico-Sun di Napoli:

“Salve, la situazione descritta non desta particolare preoccupazione; i sintomi sono lievi e le alterazioni morfologiche e funzionali non così gravi da determinare grosse alterazioni della qualità della vita. Il residuo minzionale non è regolabile dalla volontà ma dipende solo dalla capacità dello svuotamento vescicale ora in parte impedito dall’aumento volumetrico della prostata (ipertrofia prostatica benigna ndr)

Gli alfalitici( tamsulosina e simili) dovrebbero migliorare questa complicanza come è avvenuto con il Urorec, ma non agiscono sul volume della ghiandola che quindi continua a premere sulla vescica e a causare un getto lento. Ora ci sono molti farmaci della stessa classe che possono avere maggiore o minore efficacia a seconda della persona. Bisogna valutare quanto ciò incide sulla qualità della vita; di certo sospendendo il farmaco attualmente avrebbe peggioramenti dei sintomi ritornando al punto di partenza. Potrebbe provare a continuare la terapia oppure a cambiar farmaco tipo con la alfuzosina da 10 mg a rilascio prolungato che è il farmaco meglio tollerato e più efficace almeno statisticamente (ripeto la risposta è soggettiva) ed associare un inibitore naturale del diidrotestosterone tipo la serenoa repens o simili che riducono il volume della ghiandola ma non hanno gli effetti collaterali del finasteride e simili. Certo rimane fondamentale un controllo costante della situazione con UFM, TURP ed ECO trans più PSA tot e lib ogni anno. EScludo l’intervento che mi sembra precoce.  Spero di essere stato chiaro, Cordiali saluti [email protected] cell. 3458092414″.

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post:

Iperplasia prostatica benigna: sintomi, terapia e sessualità …

Iperplasia prostatica benigna, deficit erezione e farmaci per cura …

Se avete altri dubbi o domande da porre ai nostri esperti visitate la pagina dedicata all’invio dei quesiti Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive, ricordando quanto segue:

non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie. Medicinalive ed i medici coinvolti in questa rubrica propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Lascia un commento