La vitamina D per dummies! – L’attuale dieta #3

La vitamina D si sa? Sì, no… Questo non è grave!!! Medico BonneBouffe ti dice tutto quello che dovete sapere su questa vitamina molto particolare, ma non meno importante!

Imparare tutto sulla vitamina DQu is la vitamina D?

La vitamina D è una vitamina liposolubile (solubile nei grassi), chiamato anche calciferolo.

Questa è una delle poche vitamine che il nostro corpo sa sintetizzare. Infatti, la nostra pelle ha la capacità di produrre vitamina D sotto l’azione dei raggi solari, i raggi ultravioletti. È per questo motivo che la vitamina D non è, strettamente parlando, una vitamina, anche se è la classe in questa categoria. Da un punto di vista funzionale, sarebbe più di un ormone.

I diversi tipi di vitamina D

Ci sono diverse sotto-tipi di vitamina D, classificate da 1 a 5. I più noti sono : – vitamina D2 o ergocalciferolo), prodotta dall’impianto, – e la vitamina D3 (o colecalciferolo) di origine animale, ma anche prodotti per la pelle sotto l’azione dei raggi ultravioletti B.

Il ruolo della vitamina D

La vitamina D svolge un importante funzione nella mineralizzazione delle ossa. Infatti, è molto importante per l’assorbimento e il metabolismo del calcio e del fosforo. Promuove l’assorbimento del calcio nelle ossa, così come l’assorbimento di calcio e fosforo nell’intestino.

Un apporto sufficiente di calciferolo è importante perché aiuta il corpo a costruire e mantenere ossa e denti in buona salute.

hareng

Crediti fotografici: Apolonia/ FreeDigitalPhotos m_bartosch.

Rischio di carenza di

Una carenza di vitamina D porta a malattie delle ossa, come ad esempio:

  • Il rachitismo (malattia ossea causata da una carenza di calcio), il bambino, o il giovane;
  • Osteomalacia (decalcificazione delle ossa a causa di un difetto di mineralizzazione) negli adulti;

– che cosa causa un aumento del rischio di osteoporosi e fratture.

Una carenza può causare anche una ipocalcemia (il livello di calcio è anormalmente bassa), le fonti di attacchi di tetania, o danni al tessuto osseo (a causa della mancanza di mineralizzazione ossea).

Rischio di ipervitaminosi a (in eccesso)

Un sovradosaggio di vitamina D può essere pericoloso e causare la perdita di appetito, nausea, vomito, perdita di peso vedere l’arresto della crescita.

Scheda di riepilogo: la vitamina D per dummies!

La vitamine D calciférols

Le principali fonti di vitamina D da esposizione al sole

La fonte principale di vitamina D è la produzione endogena di vitamina D (=produzione da parte del nostro organismo). Si stima che l’esposizione al sole è sufficiente a produrre il 90% della vitamina D necessaria per il nostro corpo. Una semplice esposizione delle mani, le braccia e la faccia per 10 a 15 minuti al giorno sarebbe sufficiente a soddisfare tutte le nostre esigenze.

Nota: La pelle può solo fare la vitamina D quando la lunghezza d’onda dell’ultravioletto B è inferiore a 313 nm. La Francia, però, non riceve le radiazioni al di sotto di 313 nm, tra novembre e febbraio. È necessario, pertanto, durante questo periodo, con particolare attenzione al consumo di alimenti ricchi in vitamina D. In contrasto, da marzo a ottobre, l’esposizione solare associato con l’assunzione di cibo sufficiente per soddisfare le esigenze dell’organismo in vitamina D.

Fonti di cibo

L’assunzione di vitamina D svolge un ruolo secondario, dal momento che solo circa il 10% della quantità totale di vitamina D viene dalla dieta. La fonte primaria di cibo sono alimenti che sono ” grasso “, come il pesce grasso (salmone, aringhe, sardine, acciughe), tuorli d’uovo o burro. Ma questi alimenti sono molto piccole quantità ! Le prove, per fare il pieno apporto giornaliero raccomandato (RDA) di vitamina D, si dovrebbe mangiare ogni giorno 5 compresse di burro o anche 20 uova!

Controlla il nostro articolo su la top 10 alimenti più ricchi di vitamina D.

La supplementazione di vitamina D devono essere sottoposti a un esame medico. Per eventuali domande, consultare il medico.

Lascia un commento